Processo di creazione di una Brand Identity: la roadmap di Armonia

brand-identity

Indice:

In un mercato come quello odierno, l’importanza di un’identità di brand distintiva e coerente non può essere sottovalutata. Essa rappresenta non solo l’immagine visiva di un’azienda, ma anche il cuore pulsante della sua comunicazione strategica. Nel cuore di questo processo creativo si trova il design, una componente cruciale che trasforma i valori e la visione di un’azienda in un simbolo riconoscibile e memorabile.

Quando i nostri clienti ci commissionano un’app o un sito web, generalmente ci chiedono di partire dal definirgli una nuova identità di brand, o perché si tratta di una startup o per la volontà di rinnovarsi, pur restando fedeli al proprio DNA. La creazione di una brand identity implica un percorso ben definito e strutturato, che necessita di una guida esperta e di un approccio meticoloso per essere realizzato con successo. La nostra esperienza nel definire e sviluppare l’identità di marca offre uno spunto su come questo processo possa essere gestito efficacemente, garantendo risultati che rispecchiano veramente l’essenza del brand.

Attraverso questo articolo, dopo un’introduzione sul significato di brand identity esploreremo la roadmap specifica adottato da Armonia per navigare con successo il complesso mondo del branding.

Panoramica sulla Brand Identity

Cosa intendiamo quando parliamo di identità di marca? Ripercorriamone velocemente i fondamenti. 

La brand identity, o identità di marca, è l’insieme degli elementi visivi e non che compongono l’immagine di un’azienda e la distinguono dai suoi concorrenti. Questa identità non si limita al logo o al color scheme, ma include tutto ciò che contribuisce a definire la personalità del brand, dalla tipografia usata nei comunicati stampa fino al tono di voce adottato sui social media. È un concetto dinamico e multiforme che si evolve insieme all’azienda e al contesto di mercato in cui opera.

Una brand identity forte ed efficace è cruciale perché funge da primo punto di contatto tra il brand e i suoi potenziali clienti. Quando ben progettata, trasmette in modo immediato i valori fondamentali dell’azienda, costruisce fiducia e facilita il riconoscimento del brand. Questo processo di identificazione è essenziale non solo per attirare nuovi clienti, ma anche per mantenere quelli esistenti, creando un legame emotivo che può trasformarsi in fedeltà a lungo termine.

In sintesi, la brand identity è la base tangibile da cui viene definita la strategia di un’azienda. Essa racchiude l’essenza del brand e ne comunica l’unicità in un mercato sempre più affollato e competitivo.

immagine-brand

Image by storyset on Freepik

Le figure coinvolte nella creazione di una Brand Identity

La costruzione di una brand identity robusta e coerente richiede l’intervento coordinato di numerosi esperti, ciascuno specializzato in diversi aspetti del design, della comunicazione e del marketing. Questo processo multidisciplinare assicura che ogni elemento del brand sia rifinito e perfettamente allineato con la visione aziendale.

team-branding

Image by Freepik

Il ruolo del Marketing Specialist nel posizionamento di un Brand

Nella fase iniziale, la figura del marketing specialist è fondamentale per definire i valori fondamentali, la vision e la mission del brand. Inizia il suo percorso con un’approfondita analisi di mercato, utilizzando strumenti avanzati per scrutare tendenze e comportamenti dei consumatori. Questo gli permette di identificare opportunità di posizionamento uniche e di delineare una strategia distintiva per il brand.

In stretta collaborazione con i leader aziendali e i stakeholder, il marketing specialist facilita workshop e orienta le sessioni di brainstorming per articolare chiaramente i valori fondamentali del brand. Questi valori devono rispecchiare non solo gli obiettivi di business, ma anche l’impegno dell’azienda verso i suoi clienti e la società in generale. È in questo contesto che vengono definiti la vision e la mission del brand: la vision fornisce una panoramica aspirazionale di ciò che il brand desidera raggiungere nel lungo termine, mentre la mission descrive gli obiettivi immediati e il modo in cui il brand intende realizzarli.

Inoltre, il marketing specialist si assicura che la vision e la mission siano non solo aspirazionali ma anche realizzabili, adattandole continuamente alle dinamiche del mercato e alle reazioni dei consumatori. La sua abilità nell’analizzare e interpretare i dati del mercato è cruciale per mantenere la strategia del brand rilevante e efficace, garantendo che l’identità del brand sia autentica e coerente.

Graphic Designer e identità visiva

Il graphic designer agisce come un vero e proprio architetto visivo all’interno del processo di creazione della brand identity. Questo professionista utilizza una vasta gamma di strumenti digitali per dar forma agli elementi visivi che definiranno l’immagine del brand. Il suo lavoro inizia con lo sviluppo di concept creativi che possono efficacemente tradurre i valori e la personalità del brand in un design visivo. Questo include la creazione di loghi distintivi, la selezione di palette di colori che rispecchiano il tono e il messaggio del brand, e la progettazione di layout per materiale stampato e digitale.

Ogni scelta di design è il risultato di un accurato processo creativo e di decisioni strategiche basate su ricerca e feedback. Il designer deve considerare non solo l’estetica, ma anche la funzionalità degli elementi visivi, assicurando che siano scalabili e adattabili a diversi media e piattaforme. Inoltre, deve garantire che il design sia coerente con le tendenze attuali del mercato pur rimanendo fedele all’unicità del brand. Questo bilanciamento tra innovazione e coerenza è vitale per il successo a lungo termine dell’identità visiva del brand.

Leggi anche: Panoramica e importanza delle UI guides nel design digitale

creazione-brand-identity

Il ruolo del Brand Manager

Il brand manager, il cui ruolo può essere ricoperto anche da una delle figure coinvolte nel progetto, ha il compito di garantire la coerenza e l’integrità del brand attraverso tutti i punti di contatto e le iniziative. Collabora strettamente con il team di design e marketing per sviluppare e mantenere una narrazione coerente che sia riflessa in ogni aspetto dell’esperienza del brand. Questo ruolo richiede una profonda comprensione del mercato di riferimento e un’attenta vigilanza sulle attività dei concorrenti, per assicurare che il brand si mantenga rilevante e competitivo.

Il brand manager sviluppa piani strategici che dettagliano come il brand dovrebbe essere percepito e le strategie per realizzare questa percezione. Monitora costantemente le performance del brand utilizzando metriche specifiche, come la riconoscibilità del logo, la fedeltà dei clienti e la percezione del brand, e si adatta rapidamente a cambiamenti nel mercato o nelle preferenze dei consumatori. Inoltre, coordina le campagne di marketing per assicurare che ogni messaggio sia allineato con la visione e i valori del brand.

Copywriter e TOV del Brand

Il copywriter è responsabile di dare voce al brand, scrivendo testi che comunicano efficacemente la sua essenza a un pubblico vasto. Lavora su una varietà di piattaforme, dall’advertising tradizionale ai canali digitali, creando contenuti che non solo informano ma anche coinvolgono emotivamente il pubblico. La sfida principale per un copywriter è mantenere un equilibrio tra creatività e chiarezza, utilizzando un linguaggio che sia sia accessibile che evocativo.

Il copywriter deve stabilire un tono di voce (TOV) coerente con l’identità del brand e con il suo target, assicurando che ogni pezzo di comunicazione sia autentico e coerente con l’identità complessiva del brand. Questo ruolo richiede una continua ricerca e sperimentazione linguistica per adattare i messaggi alle nuove piattaforme e ai cambiamenti nel comportamento dei consumatori, garantendo che il brand rimanga rilevante e impegnativo in un paesaggio mediatico in rapida evoluzione.

Questi ruoli, in base alla grandezza di un’azienda e alla complessità di un progetto, possono essere ricoperti da più o meno figure. Le figure menzionate, lavorando in stretta collaborazione, formano il team dietro alla nascita e al mantenimento di una brand identity forte e riconoscibile.

copywriting-brand-identity

Image by storyset on Freepik

La nostra roadmap per la creazione di una Brand Identity

Avere un processo di lavoro ben definito facilita la gestione delle attività e aiuta a garantire un risultato coerente con gli obiettivi aziendali e le aspettative del cliente. In Armonia, abbiamo definito un processo di lavoro funzionale alla creazione di una identità di brand, che ci consente di ottimizzare i tempi ed efficientare il lavoro del nostro team.

Scoperta, Creazione, Sviluppo

  1. Scoperta
    La fase di scoperta (3-4 ore) è il punto di partenza cruciale nel processo di creazione di una brand identity, il cui obiettivo è raccogliere quante più informazioni possibili che aiuteranno a definire la direzione strategica del brand. Qui i nostri specialisti di marketing e designer conducono sedute di brainstorming con il cliente, questionari e stimolano le interazioni. Attraverso un’attività svolta tramite post-it in collaborazione con il cliente, vengono definiti anche gli ambiti su cui il brand sarà costruito, ovvero la simbologia o i significati che racchiuderà al suo interno. La fase di scoperta si conclude con la definizione dei concept; è propedeutica per stabilire una base solida su cui costruire l’intera identità del brand.
  2. Creazione
    Nella fase di creazione, iniziamo a tradurre le scoperte in elementi concreti della brand identity. Questo include la progettazione del logo, la scelta della palette di colori, la definizione della tipografia, e la creazione di altri asset visivi che rappresenteranno il brand. In questa tappa, i graphic designer e i creativi lavorano a stretto contatto per sviluppare un’immagine coesa e visivamente accattivante che comunichi efficacemente i valori e la personalità del brand. Dopo un’attenta prima fase di analisi di mercato e dell’identità visiva dei competitor, i designer iniziano a sviluppare i concept emersi in precedenza durante il brainstorming. Vengono elaborate 3 proposte di concept visivi e le relative moodboard, al seguito dei quali preparano una breve presentazione di spiegazione per il cliente.
  3. Sviluppo
    Durante la fase di sviluppo, affiniamo la proposta scelta dal cliente nella call di presentazione e apportiamo migliorie fino ad ottenere l’approvazione definitiva. Creiamo un manuale del marchio completo (brand manual), che includa palette colori definitive, tutte le varianti del logo e le realizzazioni previste in precedenza. L’obiettivo è quello di sviluppare il concept scelto nella sua interezza, comprese le istruzioni sul corretto e scorretto utilizzo del logo. L’output finale è la presentazione completa della brand identity, consegnata tramite un file digitale o più raramente a stampa, qualora richiesto esplicitamente dal cliente.

Potrebbe interessarti anche: L’efficacia dei colori nell’UI Design di App e Siti Web 

creazione-brand-identity

Image by rawpixel.com on Freepik

Conclusioni

Nel definire una roadmap per la creazione di una brand identity, è essenziale riconoscere che il processo non sarà perfetto fin dall’inizio. Trovare il workflow ottimale richiede tempo, pazienza e la volontà di adattarsi e modificare le strategie in base alle risposte del mercato e alle esperienze interne. Non è raro scoprire che ciò che funziona per un’altra azienda potrebbe non essere adatto per la propria. Pertanto, è cruciale rimanere flessibili e aperti a rivedere e affinare le strategie.

Man mano che l’azienda cresce e impara dai suoi successi e dai suoi fallimenti, sarà possibile plasmare un processo su misura che risponda efficacemente alle specifiche esigenze del brand. Questo approccio dinamico consente di sfruttare al meglio le risorse disponibili e di costruire un’identità di brand che non solo raggiunga il pubblico target, ma che lo faccia in modo coerente e autentico. Modificando e perfezionando il workflow nel tempo, ogni azienda può sviluppare una formula su misura che massimizzi il suo impatto sul mercato e rafforzi la sua presenza nel settore.

Leggi anche: Sviluppo software: metodologie e framework per scegliere il giusto partner tecnologico

Prossimi articoli

Le UI guides migliorano l’usabilità e l’esperienza utente nel design digitale di Mobile App e Siti Web. Scopri in cosa…
L’applicazione dei principi Lean migliora l’efficienza aziendale, motivo per cui anche la nostra azienda di sviluppo ha deciso di adottarli….
Lo sviluppo tradizionale con codice e quello no-code presentano diverse differenze legate alle modalità, tempistiche, costi e obiettivi dei progetti…