Come creare un sito web: 3 diversi modi per farlo

come creare un sito web

Creare un sito web aiuta a far crescere la tua presenza online, che si tratti del tuo blog personale, di un portfolio, di un sito vetrina, di un sito aziendale, collegandoti con un pubblico davvero ampio.

Un sito web può anche diventare una piattaforma per condividere le tue opinioni e competenze, creando opportunità per progetti personali o legati al lavoro.

Questo articolo ti aiuterà a trasformare la tua idea digitale in un sito web completamente funzionale, scegliendo la piattaforma adatta, ottenendo un piano di hosting web e scegliendo un nome dominio memorabile.

Inoltre, condivideremo con te anche cosa fare dopo aver pubblicato un sito web ed entro la fine di questo articolo, sarai in grado di lanciarti nella creazione del tuo website!

4 cose da fare prima di creare il tuo sito web

[torna all’indice]

Prima di impiegare tempo, energie e risorse nel creare il tuo sito web, ti suggeriamo di fare queste 3 semplici cose così da stabilire un piano d’azione chiaro, focalizzato ed efficace:

1. Definisci chiaramente l’obiettivo del tuo sito web

Il tuo sito web non è fine a se stesso. Deve raggiungere un obiettivo per te o per la tua azienda.

obiettivi sviluppo sito web

Image by vectorjuice on Freepik

Ecco alcuni obiettivi di esempio:

  • Generare lead
  • Vendere prodotti/servizi
  • Raccogliere donazioni
  • Acquisire nuovi iscritti alla propria newsletter

Definire l’obiettivo di fondo del sito web è molto importante perché è su di esso che verranno prese decisioni sul design, sui testi e sui contenuti di ogni sezione.

Ogni tuo dubbio in merito all’obiettivo del sito web può essere risolto domandandoti: “Questa scelta mi aiuterà a raggiungere il mio obiettivo / l’obiettivo della mia azienda?”

2. Scegli lo strumento di realizzazione del tuo website

Per realizzare un sito web puoi scegliere di:

  1. Utilizzare un web site builder come Wix o Webflow
  2. Usufruire di un CMS come WordPress o Joomla
  3. Realizzarlo da zero con basi di codice usando ad esempio JavaScript
website builder codice cms costruire un sito web

Image by vectorjuice on Freepik

Se sei alle prime armi, ti consigliamo di utilizzare WordPress, piattaforma abbastanza semplice ed intuitiva per iniziare, anche se più adatta al blogging.

Anche Canva ormai dà la possibilità a chiunque di creare pagine web in maniera semplice e intuitiva.

Se sei un po’ più pratico o ancor meglio sei un designer, ti consigliamo di affidarti a Webflow, piattaforma no-code molto intuitiva e abbastanza personalizzabile.

Se invece hai in mente un progetto più complesso ed hai una buona base di programmazione, ti consigliamo di svilupparlo in codice.

3. Registra il tuo nome di dominio

Registrare il nome dominio prima di realizzare un sito web non è essenziale, ma è un’ottima scelta perché ti da la certezza che quel dominio apparterrà a te e non verrà utilizzato da nessun altro mentre costruisci il tuo sito.

Puoi scegliere la piattaforma con cui registrare il tuo nome dominio. Due esempi sono Namecheap e Squarespace.

nome dominio sito web

Image by vectorjuice on Freepik

4. Pianifica la struttura del tuo sito web (facoltativo)

Strutturare con un grafico sezioni e collegamenti del tuo sito web è molto utile per realizzare al meglio le logiche con cui un utente potrà poi navigarlo.

Per farlo puoi utilizzare degli strumenti come Gloomaps o XMind 

Ecco un esempio di wireframe realizzato per strutturare la web app di un nostro cliente:

webapp sito web wireframe map

Andiamo ora a vedere in dettaglio le diverse strade con cui puoi realizzare un sito web.

Creare un sito internet utilizzando un web site builder 

[torna all’indice]

Che cos’è un web site builder?

I web site builder sono strumenti per la creazione di siti web all-in-one che non richiedono alcuna competenza specifica in quanto programmazione e sono molto intuitivi e completi.

Spesso hanno un editor visivo drag and drop e includono tutto ciò di cui un tipico sito web potrebbe aver bisogno, ad esempio: templates, gallerie fotografiche, web hosting, moduli e così via.

I web site builder sono comunemente usati per creare portfolio, blog, siti web di piccole imprese e negozi online.

Qual è il miglior website builder?

Il miglior web site builder dipende dalle tue esigenze. 

Ma se dovessimo fare una lista dei top 3, noi consigliamo di utilizzare uno di questi:

  • Webflow ⁠— Un ottimo strumento di progettazione personalizzato con un CMS completo. Ottimo se hai voglia di personalizzare i tuoi template.
  • Wix — Ha template eccezionali, funzionalità ponderate e un design intuitivo. Ottimo per costruire facilmente siti web professionali.
  • Shopify ⁠— Ha un’interfaccia chiara e un utile app store. E’ l’ideale per gli e-commerce.

Ecco un esempio dei diversi template che puoi trovare su Webflow:

Creare un sito internet utilizzando un CMS

[torna all’indice]

Proprio come per i website builder, anche per i CMS ci sono molte opzioni tra cui scegliere, come Joomla, Drupal, Netlify, e così via.

Il più popolare di tutti però è WordPress, utilizzato per costruire più di un terzo dei siti web che trovi su Internet.

WordPress è un CMS (o Content Management System), ossia una piattaforma software che ti consente di creare, archiviare, cercare e modificare contenuti.

Ti da accesso a migliaia di temi e opzioni di plug-in, anche se avrai bisogno di una minima base di esperienza tecnica per creare il sito Web esattamente come lo immagini, altrimenti diventa un po’ più complesso da utilizzare.

Questo perché, a differenza dei website builders, non puoi progettare il tuo sito Web semplicemente utilizzando il CMS, ma dovrai fare affidamento su modelli, blocchi o website builder attraverso l’installazione di plug-in.

Di seguito ti mostriamo come abbiamo utilizzato WordPress per la stesura e la pubblicazione di questo articolo:

Tuttavia, i CMS sono più flessibili dei website builder grazie ai numerosi plug-in e alle opzioni di hosting disponibili.

Ecco un tipico processo di creazione di un sito web con un CMS come WordPress:

  1. Registra il tuo nome di dominio.
  2. Scegli un piano di hosting che supporti il ​​CMS.
  3. Punta il tuo dominio al piano di hosting. (Avrai bisogno di informazioni su DNS e server dei nomi)
  4. Installa il CMS preferito. (Di nuovo, potrebbe essere necessaria una conoscenza tecnica per questo)
  5. Scegli o carica un tema sopra di esso. Se desideri apportare modifiche al tema, non è necessario trascinare e rilasciare ⁠ : dovrai modificare HTML e CSS .
  6. Configura il CMS (aggiungi plug-in, crea profili utente, imposta la sicurezza del sito, e così via).

Una volta effettuati tutti i passaggi sopra citati, potrai iniziare con la pubblicazione dei contenuti del tuo nuovo sito web.

Creare un sito internet utilizzando basi di codice

[torna all’indice]

Questo metodo richiede di avere conoscenze di programmazione, front-end e back-end.

Dunque, se sei un programmatore allora alcun problema!

Ma se non sei ferrato in merito, hai due opzioni:

  • imparare i linguaggi HTML, CSS e JavaScript
  • affidare il tuo progetto ad una software house, un freelance o una web agency.

Leggi anche: Software House o Freelance: a chi affidare lo sviluppo del proprio progetto digitale?

Se opti per la prima scelta e non sei un programmatore, allora ti consigliamo di consultare siti come Freecodecamp , Codecademy e Team Treehouse per imparare le basi dello sviluppo web passo dopo passo gratuitamente.

Tuttavia, ti consigliamo questa strada solo se aspiri a diventare uno sviluppatore web o un web designer.

Suggerimenti: 7 segreti per avere un ottimo sito web

[torna all’indice]

Finora ti abbiamo parlato dei diversi modi in cui puoi creare il tuo sito web.

In quest’ultima sezione vogliamo condividere con te alcuni suggerimenti e trucchi che ti aiuteranno a creare un ottimo sito web, sia in termini SEO che a livello di user experience generale.

Suggerimento n. 1: scegli il tuo obiettivo

Il tuo sito web non è fine a se stesso. Nasce per realizzare qualcosa per te.

Quasi tutte le decisioni (di design, comunicative, economiche) possono essere risolte chiedendoti: ” questo mi aiuterà a raggiungere il mio obiettivo?”

Suggerimento n. 2: sii umano

Ricorda che dietro ogni pagina web c’è una persona.

Dunque, le persone risponderanno positivamente al tuo sito web se chiarisci che c’è un essere umano reale dietro di esso: non cercare di nasconderti dietro un linguaggio aziendale, formale, fotografie di stock vaghe.

Suggerimento n. 3: Less is more

Le persone non leggono i siti web. Scansionano i siti web.

Cerca di rendere tutte le informazioni facilmente reperibili, chiare e concise. Riassumi al meglio tutto fino all’essenziale. Nessun muro di testo.

Suggerimento n. 4: mantieni la navigazione semplice

Pensa alla navigazione del sito web come ai pulsanti di un ascensore: le persone li usano per andare o su o giù. Anche gli elementi del tuo sito web devono essere semplici e coerenti con il contesto nel quale li posizioni.

Suggerimento n. 5: evita il solito gergo sensazionalistico

La maggior parte delle persone usa il gergo aziendale o slogan troppo “finti”, che spingono molto sul marcare le caratteristiche forti dell’azienda, come accade spesso in merito all’assistenza clienti.

Non farlo. Ingigantire troppo le tue qualità le renderà poco credibili e quasi superbe.

Suggerimento n. 6: scrivi in ​​modo colloquiale

Immagina di prendere un caffè con un amico e con cui chiacchieri dei tuoi affari e del tuo lavoro. Come gli parleresti? Quali parole useresti? Ecco, è così che dovresti scrivere sul tuo sito web.

La buona scrittura è quella colloquiale e semplice.

Suggerimento n. 7: aggiungi testimonianze

Le testimonianze creano fiducia tra te e i tuoi clienti, potenziali e attuali.

Una buona testimonianza affronta paure e preoccupazioni. Un po’ come quando guardi le recensioni dei prodotti di un e-commerce prima di acquistare un prodotto online.

Suggerimento n. 8: Aggiungi contenuti visivi

Quando possibile, affianca immagini o video dei tuoi lavori alle descrizioni delle tue competenze, dei tuoi servizi, dei tuoi prodotti. Ricorda: i visitatori non leggono i siti web, scansionano i siti web.

Le parole sono molto utili per scalare la SERP, ma l’esperienza visiva ha il suo impatto.

Cerca di evitare la fotografia stock. La fotografia d’archivio di solito è banale quando cerca di essere una metafora, ad esempio una stretta di mano per segnalare il servizio clienti. Questi tipi di foto vengono spesso ignorati.

Suggerimento n. 9: rendi visibili le tue informazioni contatto

Rendi i tuoi dati di contatto super evidenti. In questo modo, l’utente potrà contattarti con più facilità.

Conclusione: quale strada scegliere?

[torna all’indice]

Il metodo migliore per te, come anticipato, dipende dai tuoi obiettivi e dalle tue competenze.

Se il tuo scopo è ad esempio creare un portfolio online, probabilmente ti sarà più utile sfruttare un website builder.

Se invece il tuo progetto è più complesso, ti converrà valutare bene le tue capacità di realizzazione perché potrebbe essere più conveniente affidarlo a terzi piuttosto che impiegare tempo nel capire come procedere.

Concludiamo con 3 ultimi consigli.

Una volta pubblicato online con successo il tuo sito web:

  • Aggiorna i contenuti regolarmente . Rivedi i tuoi contenuti regolarmente poiché le migliori pratiche SEO cambiano continuamente.
  • Promuovi il tuo sito web . Usa contenuti, e-mail, social media e marketing di affiliazione per promuovere il tuo sito Web e attirare più visitatori.
  • Analizza con costanza le sue prestazioni. Migliora le strategie di marketing per evitare problemi futuri analizzando regolarmente le tue prestazioni. Usa strumenti come Google Analytics per aiutarti.

Se hai in mente di sviluppare un sito web e stai cercando il partner giusto, potremmo essere noi! Parlaci della tua idea compilando il form qui sotto.

Condividi il post

Dubbi, curiosità, domande, idee? Scrivici!

Compila i campi seguenti per richiedere maggiori informazioni.
Ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

Articoli correlati